circolo_tennis_firenze_edificio

I DENOMINAZIONE, SCOPO E COLORI SOCIALI

  1. Il Circolo del Tennis Firenze, associazione sportiva dilettantistica con personalità giuridica, costituito nell’anno 1898, con sede in Firenze, Viale del Visarno n.c. 1, ha lo scopo di praticare, divulgare ed incoraggiare il gioco del tennis.
  2. I colori sociali sono il bianco e rosso.

II SOCI

  1. Possono far parte del Circolo i cittadini italiani e stranieri di indiscussa probità ed onorabilità.
  2. La qualifica di socio ha carattere strettamente personale, e si acquista e si perde con le modalità stabilite dal presente statuto.
  3. Fermo restando il diritto di recesso del socio, è esclusa qualsiasi forma di adesione al Circolo a tempo determinato.
  1. I soci si distinguono nelle seguenti categorie:
    1. onorari;
    2. fondatori;
    3. effettivi;
    4. frequentatori sportivi;
    5. frequentatori;
    6. veterani;
    7. aggregati;
    8. assenti;
    9. minorenni.
  1. La qualifica di socio onorario ha durata illimitata, e viene conferita dall’Assemblea dei soci fondatori, su iniziativa del Consiglio Direttivo, a persone che si siano distinte per speciali benemerenze in favore del Circolo.
  2. La loro nomina avviene con votazione a scrutinio segreto, con la maggioranza di almeno tre quarti dei soci fondatori presenti, senza possibilità di deleghe.
  3. Il numero dei soci onorari non deve essere superiore a trenta.
  4. I soci onorari godono di tutti i diritti dei soci effettivi e non sono tenuti al pagamento della tassa di ammissione, delle quote associative, e degli eventuali contributi straordinari.
  5. La qualifica di socio onorario non è incompatibile con quella di socio fondatore.

 

  1. La qualifica di socio fondatore potrà essere attribuita ai soci effettivi che abbiano compiuto il trentacinquesimo anno di età, che siano appartenuti al Circolo per almeno venti anni anche non consecutivi, e che non abbiano mai subito la sanzione disciplinare della sospensione a tempo determinato e della censura scritta. Potrà essere altresì attribuita ai soci frequentatori che siano appartenuti per almeno venti anni alla categoria di socio effettivo.
  2. Per ottenere la qualifica di fondatore, il socio effettivo, frequentatore sportivo o frequentatore che risponda alle condizioni di cui al nr. 1 dovrà fare domanda scritta al Presidente del Circolo, il quale la sottoporrà all’Assemblea dei soci fondatori.
  3. L’Assemblea dei soci fondatori, presa visione della domanda presentata dal socio effettivo, frequentatore sportivo o frequentatore, ratifica l’ammissione; la sospende, qualora in sede assembleare, venisse a conoscenza di fatti contrari al rispetto dei doveri sociali (art. 16) che potrebbero comportare il deferimento al Collegio dei Probiviri.
  4. Il socio fondatore è tenuto al pagamento delle quote sociali e degli eventuali contributi in relazione alla corrispondente categoria di appartenenza.
  5. Il passaggio alla categoria di socio frequentatore, frequentatore sportivo, veterano o onorario non comporta decadenza dalla qualifica di socio fondatore.
  6. È sospeso per il periodo di un anno dalla qualifica di socio fondatore colui che non intervenga personalmente a tre assemblee consecutive salvo che per giustificato motivo da comunicarsi per iscritto alla Segreteria entro quindici giorni dalla data di svolgimento dell’Assemblea. Tale sospensione verrà accertata e dichiarata dall’Assemblea dei soci fondatori e comunicata per iscritto all’interessato. Qualora si verifichino le condizioni per una seconda sospensione a carico dello stesso socio la qualifica di fondatore sarà definitivamente perduta senza possibilità di riammissione. La presente disposizione non si applica ai soci veterani.
  7. Il socio fondatore al quale sia stata comminata una sanzione disciplinare è sospeso dalla qualifica per un periodo di sei mesi, se trattasi di censura scritta, e per un periodo triplo di quello comminato, con un minimo di un anno, se trattasi di sospensione a tempo determinato. La sospensione verrà accertata e dichiarata dall’Assemblea dei soci fondatori e comunicata per iscritto all’interessato. Qualora il socio subisca una seconda sanzione disciplinare egli decadrà definitivamente dalla qualifica di socio fondatore senza possibilità di riammissione.
  1. Possono essere soci effettivi i cittadini italiani e stranieri che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età.
  2. Ai fini dell’ammissione deve essere presentata al Consiglio Direttivo domanda corredata da idoneo “curriculum”, e controfirmata per presentazione da un socio fondatore, ovvero da un socio effettivo o frequentatore con anzianità di appartenenza al Circolo non inferiore ai cinque anni. Le domande formalmente complete verranno, a cura della Segreteria, trascritte su di un apposito registro, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.
  3. Il Consiglio Direttivo decide sull’ammissibilità di ciascun aspirante, e determina di volta in volta il numero di ammissioni per ciascuna categoria di soci, nel rigoroso rispetto della cronologia di presentazione delle domande, e tenendo conto, ai fini del contingentamento, delle ammissioni di diritto di cui all’ottavo NR. del presente articolo.
  4. I nominativi degli aspiranti ammessi dal Consiglio Direttivo, con l’indicazione del relativo presentatore, saranno affissi nei locali sociali per un periodo non inferiore a giorni dieci, e ciascun socio, entro lo stesso termine, potrà far pervenire al Consiglio medesimo eventuali rilievi e osservazioni scritti.
  5. Salvo che nei casi in cui il Consiglio ritenga essere emersi gravi motivi di inammissibilità, i predetti nominativi verranno portati in votazione all’Assemblea dei fondatori.
  6. I soci effettivi sono nominati dall’Assemblea dei fondatori con votazione a scrutinio segreto, con la maggioranza della metà più uno dei votanti, senza possibilità di deleghe.
  7. Della mancata ammissione verrà data comunicazione scritta all’interessato ed al socio presentatore del medesimo, senza alcun obbligo di motivazione.
  8. Il coniuge ed i figli maggiorenni dei soci effettivi sono ammessi di diritto, salvo che, per gravi motivi, il Consiglio Direttivo non decida altrimenti.
  9. I soci effettivi sono tenuti al pagamento integrale della tassa di ammissione, delle quote associative annuali e degli eventuali contributi straordinari nelle misure stabilite dall’Assemblea dei soci fondatori.
  10. La tassa di ammissione dovuta dal coniuge e dal figlio maggiorenne del socio effettivo è pari al venticinque per cento della tassa di ammissione prevista per la categoria a cui chiede di appartenere.
  1. Sono soci frequentatori sportivi coloro che fanno parte del Circolo senza diritto di utilizzarne le attrezzature tennistiche, salvo che dietro invito nei termini stabiliti dal regolamento.
  2. Per la loro ammissione dovranno essere osservate le stesse modalità stabilite per i soci effettivi.
  3. I soci frequentatori sportivi sono tenuti al pagamento della tasse di ammissione, delle quote associative annuali e degli eventuali contributi straordinari nelle misure stabilite dall’Assemblea dei Soci Fondatori.
  1. Sono soci frequentatori coloro che fanno parte del Circolo senza diritto di utilizzarne le attrezzature tennistiche e sportive, salvo che dietro invito nei termini stabiliti dal regolamento.
  2. Per la loro ammissione dovranno essere osservate le stesse modalità stabilite per i soci effettivi.
  3. I soci frequentatori sono tenuti al pagamento della tasse di ammissione, delle quote associative annuali e degli eventuali contributi straordinari nelle misure stabilite dall’Assemblea dei Soci Fondatori.
  1. I soci effettivi, frequentatori sportivi e frequentatori potranno passare ad una diversa categoria, comunicandolo per scritto al Consiglio Direttivo entro il 31 Dicembre di ogni anno, con decorrenza dal 1° gennaio dell’anno successivo.
  2. Il passaggio da una categoria di soci ad un’altra non determina decadenza dalla qualifica di socio fondatore eventualmente posseduta dal socio.
  3. Il passaggio di categoria potrà essere richiesto solo due volte e la seconda volta non prima che siano trascorsi due anni dal primo passaggio.
  1. Il socio effettivo o frequentatore che abbia compiuto il settantesimo anno di età, e che sia appartenuto al Circolo per almeno trenta anni, acquisisce la qualifica di socio veterano.
  2. I soci veterani appartenenti alla categoria dei soci frequentatori sono tenuti al pagamento delle quote associative annuali nonché dei contributi straordinari nella misura del cinquanta per cento rispetto a quella stabilita per la categoria di appartenenza. I soci veterani appartenenti alle categorie dei soci effettivi e frequentatori sportivi sono tenuti al pagamento di dette quote e contributi nella misura ridotta, rispetto a quella stabilita per la categoria di appartenenza, che stabilirà annualmente l’assemblea dei fondatori, su proposta del Consiglio Direttivo, ai sensi del successivo articolo 20, lettera d).
  3. Ad essi spettano tutti i diritti inerenti alla categoria sociale d’appartenenza.
  1. I cittadini italiani e stranieri che rivestano una posizione di particolare eminenza e prestigio nella sfera istituzionale o sociale possono essere ammessi, su deliberazione del Consiglio Direttivo, come soci aggregati.
  2. Essi sono esentati dal pagamento della tassa di ammissione, delle quote associative annuali, e degli eventuali contributi straordinari.
  3. La medesima qualifica può essere altresì conferita dal Consiglio Direttivo ai cittadini italiani o stranieri che prestino attività agonistica a favore del Circolo.
  4. Questi ultimi potranno successivamente passare in altra categoria di soci attraverso la normale procedura prevista per l’ammissione alla categoria prescelta.
  5. Il Consiglio Direttivo potrà, in tal caso, proporre all’Assemblea dei soci fondatori l’esonero dal pagamento della relativa tassa di ammissione, o la riduzione della medesima, per gli atleti che abbiano conseguito risultati sportivi di notevole rilievo per i colori del Circolo.
  1. I soci effettivi, frequentatori sportivi, frequentatori o minorenni che si assentino da Firenze per un periodo non inferiore ad un anno, possono, su loro motivata richiesta, essere dichiarati dal Consiglio Direttivo soci assenti. La domanda dovrà essere presentata, salvo giustificato motivo, entro il 31 ottobre dell’anno precedente al periodo di assenza. Lo stato di socio assente potrà essere prorogato in via ordinaria solo per un ulteriore anno. L’assenza potrà essere ulteriormente prorogata in via straordinaria solo se adeguatamente motivata.
  2. Essi saranno tenuti al pagamento della quota associativa annuale nella misura di un terzo rispetto a quella dovuta dai soci della categoria alla quale essi appartengono mentre dovranno corrispondere per intero gli eventuali contributi straordinari deliberati dall’Assemblea dei soci fondatori.
  3. Durante detto periodo, essi potranno accedere ai locali del Circolo nei limiti e nelle modalità stabilite dal regolamento interno.
  4. Il socio assente che entro il 31 dicembre di ogni anno non abbia comunicato la volontà di essere confermato nello status di assente oppure la volontà di cambiare categoria o di dimettersi, verrà considerato appartenente alla categoria a cui apparteneva prima del periodo di assenza.
  5. Il socio assente che entro il 31 ottobre di ogni anno non abbia comunicato la volontà di essere confermato nello status di assente oppure la volontà di cambiare categoria o di dimettersi, verrà considerato appartenente alla categoria a cui apparteneva prima del periodo di assenza.
  1. Possono essere ammessi come soci minorenni coloro che abbiano compiuto il sesto anno di età, e non abbiano compiuto il diciottesimo.
  2. Sono nominati con le stesse modalità e procedure previste per la nomina dei soci effettivi, su domanda firmata da uno dei genitori. I figli minorenni di soci effettivi saranno ammessi di diritto.
  3. L’Assemblea dei soci Fondatori, su proposta del Consiglio Direttivo, può stabilire annualmente tasse di ammissione e quote associative ridotte sia per i soci minorenni, anche graduandoli per età, sia per i minorenni figli di soci.
  4. I soci minorenni non sono tenuti al pagamento di eventuali contributi straordinari e non possono partecipare, anche se rappresentati, alle assemblee
  1. La qualifica di socio si perde:
    1. per dimissioni, da presentarsi entro il 31 dicembre di ogni anno mediante invio di lettera raccomandata alla Segreteria;
    2. per essersi impegnato, senza la preventiva autorizzazione del Consiglio Direttivo, a difendere i colori di altro Circolo, così che tale impegno impedisca al socio di difendere i colori del Circolo Tennis Firenze nelle manifestazioni alle quali quest’ultimo partecipa;
    3. per morosità secondo quanto previsto dal successivo art. 16;
    4. per radiazione;
  2. La qualifica di socio potrà essere eventualmente riacquistata, con l’osservanza delle norme previste per l’ammissione dal presente statuto, soltanto nei seguenti casi:
    1. quando essa sia stata persa ai sensi della lettera a) del nr. precedente, con la corresponsione del 20% della tassa di ammissione per la categoria alla quale si chiede di essere riammessi, senza che tale beneficio sia cumulabile con quello di cui all’art. 6 n. 10.
    2. quando sia stata persa ai sensi della lettera c) del nr. precedente, a condizione che sia sanata la morosità e che sia versata una somma ulteriore, a titolo di penale, pari alla quota sociale relativa agli anni intercorrenti tra la decadenza e la nuova ammissione; tale riammissione può essere richiesta per una sola volta.
  3. Le dimissioni comunicate oltre la data di cui alla lettera a) del primo comma avranno effetto per l’anno successivo.

III CONTRIBUTI E DOVERI SOCIALI

  1. Salvi i casi di esenzione espressamente previsti dal presente statuto, i soci sono tenuti al pagamento di una tassa di ammissione a fondo perduto, delle quote associative annuali e di eventuali contributi straordinari sulla base di quanto stabilito dall’Assemblea dei soci fondatori. L’Assemblea dei Fondatori, su proposta del Consiglio Direttivo, potrà stabilire in via eccezionale tasse e quote differenziate per i soci che rientrino in determinate fasce di età. L’assemblea dei Fondatori, su proposta del Consiglio Direttivo, potrà altresì stabilire in via eccezionale quote e tasse ridotte per soci appartenenti allo stesso nucleo familiare.
  2. Le somme versate ai sensi del n.1 non sono trasmissibili, né rivalutabili.
  1. La tassa di ammissione dovrà essere versata entro trenta giorni dalla data di comunicazione dell’avvenuta ammissione, pena la decadenza dall’ammissione stessa.
  2. Le quote sociali annuali sono dovute, e quindi esigibili, dal primo giorno dell’anno sociale a cui si riferiscono. L’anno sociale coincide con l’anno solare.
  3. I soci che non abbiano provveduto al versamento delle quote sociali entro la data del 31 gennaio saranno comunque tenuti al pagamento degli interessi di mora, calcolati al tasso legale maggiorato di cinque punti, con decorrenza dal 1° febbraio. Sarà cura della segreteria sollecitare tempestivamente al pagamento i soci morosi tramite lettera raccomandata.
  4. In caso di mancato pagamento della quota sociale annuale entro il 30 giugno il socio non potrà frequentare il Circolo finché non abbia sanato la morosità, perdurando la quale il Consiglio provvederà ai sensi dell’ articolo 14, primo comma, lettera c) dichiarando la perdita della qualifica di socio del socio moroso.
  5. Gli eventuali contributi straordinari saranno pagati secondo le modalità stabilite di volta in volta dall’Assemblea dei soci fondatori.
  1. Il socio deve tenere una condotta che sia osservante di tutta la normativa posta dallo statuto e dal regolamento interno, nonché di tutte le disposizioni emanate dagli organi direttivi del Circolo. Tali ultime disposizioni vengono rese note ai soci per iscritto ed a mezzo di affissione all’albo sociale.
  2. Il socio inoltre, deve tenere un comportamento improntato ad ineccepibile educazione civile e correttezza, sia nell’ambito del Circolo, sia allorquando, in occasione di competizioni sportive, rappresenti il Circolo stesso al di fuori dell’ambito del medesimo. Allo stesso comportamento deve attenersi anche quando frequenta altri circoli legati da rapporti di reciprocità.
  1. I comportamenti dei soci tenuti in violazione di quanto disposto dal precedente art., sono sanzionabili con i seguenti provvedimenti, di competenza in prima istanza della Commissione disciplinare appositamente nominata all’interno del Consiglio ed in seconda istanza del Collegio dei probiviri:
    1. censura scritta;
    2. sospensioni a tempo determinato;
    3. radiazione.
  2. Le denunce alla Commissione disciplinare devono essere presentate per iscritto alla Segreteria, la quale le trasmetterà immediatamente al presidente della Commissione disciplinare o, in sua momentanea assenza, ad uno degli altri membri.
  3. La Commissione disciplinare consiliare ed il Collegio dei probiviri adotteranno l’uno o l’altro dei predetti provvedimenti disciplinari tenendo conto in particolare della gravità dell’infrazione accertata, nonché della eventuale recidività del socio.
  4. La Commissione disciplinare ed il Collegio dei probiviri potranno disporre inoltre la sospensione cautelare a tempo indeterminato del socio che sia sottoposto a procedimento penale per fatti che, a giudizio della Commissione disciplinare e del Collegio, siano incompatibili con la sua frequentazione del Circolo; in tal caso il socio, per tutto il periodo della sospensione, sarà esentato dal pagamento delle quote sociali.
  5. Nel caso di condanna penale di un socio con sentenza passata in giudicato per fatti che, a giudizio della Commissione disciplinare e del Collegio dei probiviri, siano incompatibili con la sua frequentazione del Circolo, la Commissione disciplinare ed il Collegio medesimi disporranno la radiazione del socio stesso.
  6. La Commissione disciplinare può procedere di sua iniziativa, allorquando venga a conoscenza di fatti che rientrino nella sua competenza disciplinare.
  7. La Commissione disciplinare ed il Collegio hanno la facoltà di compiere tutti gli atti istruttori ritenuti necessari ai fini dell’accertamento della verità sul fatto per il quale si procede.
  8. In ogni caso, la Commissione disciplinare ed il Collegio devono preventivamente invitare il socio sottoposto a procedimento disciplinare ad esporre le proprie ragioni, sia comparendo personalmente, sia attraverso la presentazione di memorie scritte.
  9. Il socio può chiedere che vengano sentiti testimoni, può produrre documenti, e può comunque compiere qualsiasi atto ritenga necessario per la propria difesa.
  10. Il socio ha diritto altresì di farsi assistere, per la formulazione delle proprie argomentazioni difensive dinanzi alla Commissione disciplinare ed al Collegio, da altro socio da lui prescelto.
  11. La Commissione disciplinare ed il Collegio deliberano a maggioranza ed a scrutinio segreto entro 30 giorni decorrenti dalla data di presentazione della denuncia in segretaria.
  12. Le decisioni della Commissione disciplinare e del Collegio devono essere motivate per iscritto, e comunicate per lettera raccomandata al socio interessato, al socio nei cui confronti sono state adottate ed al socio od ai soci presentatori del medesimo, e registrate in apposito libro. I provvedimenti disciplinari di cui alle lettere a), b) e c) devono inoltre essere annotati sulla scheda personale del socio.
  13. Le decisioni della Commissione disciplinare possono essere impugnate al Collegio dei probiviri entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento. Le decisioni del Collegio dei probiviri sono immediatamente esecutive e potranno essere impugnate dinnanzi all’autorità giudiziaria nel termine di sei mesi dalla comunicazione.

IV ORGANI SOCIALI

  1. Sono organi del Circolo:
    1. l’Assemblea dei soci fondatori;
    2. l’Assemblea generale dei soci;
    3. il Consiglio Direttivo;
    4. il Presidente;
    5. il Presidente Onorario;
    6. il Collegio dei sindaci revisori dei conti;
    7. il Collegio dei probiviri;
    8. la Commissione disciplinare consiliare
  1. L’Assemblea dei soci fondatori è costituita da tutti i soci fondatori.
  2. Ogni socio fondatore potrà farsi rappresentare in Assemblea da altro socio fondatore mediante delega scritta. Ciascun socio fondatore presente all’Assemblea non potrà avere più di una delega.
  3. Alle sedute dell’Assemblea possono partecipare, senza diritto di voto, anche i componenti del Consiglio Direttivo e del Collegio dei sindaci che non siano soci fondatori.
  4. Spetta all’Assemblea dei soci fondatori:
    1. deliberare sulla nomina di nuovi soci fondatori;
    2. deliberare sull’ammissione dei soci onorari, effettivi, frequentatori, frequentatori sportivi e minorenni;
    3. deliberare sull’elezione del Collegio dei probiviri;
    4. approvare l’importo della tassa di ammissione, delle quote sociali annuali e dei contributi straordinari ex art. 15;
  5. L’Assemblea viene convocata dal Presidente del Circolo almeno tre volte l’anno, e comunque, ogni volta che il Presidente lo ritenga necessario.
  6. Il Presidente del Circolo è tenuto altresì a convocare l’Assemblea, qualora ne facciano richiesta motivata almeno un terzo dei soci fondatori.
  7. La convocazione viene effettuata a mezzo di lettera circolare, da inviare per posta ordinaria o elettronica, almeno dieci giorni prima di quello fissato per l’adunanza; l’avviso di convocazione dovrà inoltre, entro lo stesso termine, essere affisso nella sede sociale.
  8. Per la validità delle deliberazioni sarà necessaria, in prima convocazione, la presenza personale di almeno la metà più uno dei soci fondatori. In difetto di detta presenza, l’Assemblea potrà tenersi validamente in seconda convocazione un’ora più tardi, purché siano presenti o rappresentati per delega almeno la metà più uno dei fondatori. In mancanza di ciò l’Assemblea, riunita in terza convocazione un’ora più tardi dalla seconda, sarà valida qualunque sia il numero dei partecipanti personalmente o per delega.
  9. L’Assemblea validamente costituita elegge nel proprio seno un presidente, il quale potrà farsi assistere da scrutatori da lui prescelti fra i soci presenti.
  10. Le funzioni di segretario dell’Assemblea saranno svolte dal segretario del Circolo o, in mancanza, da persona designata dall’Assemblea medesima.
  11. Le deliberazioni dell’Assemblea non sono valide se non sono adottate a maggioranza dei soci votanti, direttamente o per delega, salvi i casi nei quali il presente statuto non prescriva maggioranze speciali.
  12. Le votazioni possono essere fatte per acclamazione, per alzata di mano, per appello nominale o a scrutinio segreto, secondo quanto proposto, di volta in volta, dal Presidente dell’Assemblea; restano peraltro salvi i casi, nei quali il presente statuto prescrive particolari sistemi di votazione.
  13. Le deliberazioni dell’Assemblea devono risultare da verbale redatto e sottoscritto dal segretario, controfirmato dal presidente dell’Assemblea medesima, ed inserito in apposito registro.
  1. L’Assemblea generale dei soci è costituita da tutti i soci, ad esclusione dei soci minorenni.
  2. Ogni componente dell’Assemblea potrà farsi rappresentare in essa da altro componente mediante delega scritta. Ciascun socio presente all’Assemblea non potrà avere più di una delega.
  3. Non potranno comunque partecipare all’Assemblea, né personalmente né per delega, i soci temporaneamente sospesi ai sensi del precedente art. 18.
  4. Spetta all’Assemblea generale dei soci:
    1. approvare il rendiconto economico-finanziario annuale, ed il bilancio annuale preventivo;
    2. eleggere il Presidente, i Consiglieri e i Sindaci revisori dei conti;
    3. approvare il regolamento interno;
    4. approvare le modifiche dello statuto;
    5. deliberare sullo scioglimento del Circolo;
    6. nominare su proposta del Consiglio Direttivo il Presidente onorario.
  5. L’Assemblea viene convocata in via ordinaria dal Presidente del Circolo entro il mese di aprile di ogni anno, con le stesse modalità previste al precedente art. 20 per la convocazione dell’Assemblea dei soci fondatori.
  6. L’Assemblea ordinaria è valida, in prima convocazione, con l’intervento personale o per delega, di almeno la metà degli associati. In mancanza di detto numero minimo, l’Assemblea sarà valida in seconda convocazione, un’ora dopo, qualunque sia il numero degli intervenuti.
  7. Per quanto concerne l’esercizio delle funzioni di presidente e di segretario dell’Assemblea, la redazione, la sottoscrizione e la conservazione del relativo verbale, e i sistemi di votazione, si applicano le disposizioni dettate dal precedente art. 20 nr. 9,10,12,13 per l’Assemblea dei soci fondatori. Le deliberazioni dell’Assemblea non sono valide se non adottate a maggioranza dei soci partecipanti direttamente o per delega, salvi i casi nei quali il presente statuto non prescriva maggioranze speciali.
  8. Eventuali assemblee straordinarie potranno essere convocate dal Presidente su iniziativa del Consiglio Direttivo, ovvero su richiesta motivata sottoscritta da almeno un decimo dei soci.
  9. Per la convocazione delle assemblee straordinarie, per la loro validità (quorum costitutivo) in prima convocazione, e per la validità delle delibere (quorum deliberativo) si applicano le disposizioni dettate dal presente articolo per le assemblee ordinarie (commi 6 e 7); per la validità (quorum costitutivo) in seconda convocazione, il numero dei soci partecipanti non potrà essere inferiore ad un decimo degli aventi diritto. Resta salvo quanto stabilito dal presente statuto riguardo al quorum costitutivo ed al quorum deliberativo delle assemblee straordinarie aventi ad oggetto la deliberazione dello scioglimento del Circolo e l’approvazione delle modifiche statutarie di cui al successivo capo VI.
  1. Il Consiglio direttivo convoca l’assemblea generale dei soci, con all’ordine del giorno l’elezione del Presidente e del consiglio direttivo, almeno 60 (sessanta) giorni prima della data in cui detta assemblea deve tenersi.
  2. Il Presidente è eletto dall’assemblea generale dei soci tra coloro che hanno presentato la propria candidatura, secondo le modalità previste dal presente articolo; possono candidarsi soltanto coloro che siano appartenuti alla categoria dei soci effettivi per almeno 20 anni e che non abbiano mai subito alcuna sanzione disciplinare.
  3. I consiglieri sono eletti dall’assemblea generale dei soci tra coloro che hanno presentato la propria candidatura, secondo le modalità previste dal presente articolo; possono candidarsi soltanto coloro che siano appartenuti alla categoria dei soci effettivi per almeno 10 anni e che non abbiano mai subito alcuna sanzione disciplinare.
  4. Il consiglio direttivo è composto dal Presidente e da otto membri di cui sei collegati alla lista del presidente e due non collegati.
  5. Almeno 40 giorni prima della data fissata per le elezioni i candidati presidenti devono presentare in segreteria la propria candidatura unitamente alla propria lista contenente i sei nominativi dei candidati consiglieri indicando le cariche di vice presidente, tesoriere e direttore sportivo. Entro lo stesso termine dovranno essere presentate in segreteria le candidature indipendenti per coprire i due posti di consigliere non collegati al presidente.
  6. La commissione elettorale, nominata dal Consiglio Direttivo, verificherà i requisiti di eleggibilità e la segreteria pubblicherà le liste dei candidati almeno 20 giorni prima della data fissata per le elezioni.
  7. La votazione avverrà con il sistema dell’urna aperta, svolgendosi per due ore dopo il termine dell’assemblea elettiva, e riprendendo nei due giorni successivi dalle ore 9,00 alle ore 19,00.
  8. Ciascun socio al momento della votazione indicherà sulla scheda il nome del candidato presidente e fino a due candidati tratti dalla lista dei candidati indipendenti. Saranno considerate nulle le schede che indichino più di un presidente. Qualora vengano indicati più di due candidati indipendenti saranno considerate valide solo le preferenze assegnate ai primi due nominativi indicati nella scheda. Non saranno considerate valide le preferenze date a non candidati.
  9. Per la validità dell’elezione è richiesto che i votanti siano almeno un quarto degli aventi diritto.
  10. Risulteranno eletti il Presidente ed i consiglieri della lista che avrà ottenuto il maggior numero di voti e i due candidati indipendenti che avranno ottenuto il maggior numero di voti.
  11. In caso di parità di voti tra presidenti e tra consiglieri indipendenti, è preferito il socio con maggiore anzianità di ininterrotta appartenenza al Circolo, e, in caso di ulteriore parità, il socio più anziano di età.
  12. Il Presidente resta in carica tre anni e non è eleggibile per più di due mandati consecutivi.
  13. I consiglieri restano in carica tre anni e sono rieleggibili.
  1. Il Consiglio Direttivo ha la direzione morale, sportiva ed amministrativa del Circolo.
  2. Ad esso spettano tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, salvo quelli espressamente attribuiti dal presente statuto ad altri organi sociali.
  3. Il consiglio direttivo può deferire alla Commissione disciplinare il socio che abbia tenuto comportamenti contrari ai doveri di cui all’articolo 17 dello Statuto. Il consiglio direttivo può altresì inviare al socio un avvertimento scritto da non considerarsi come sanzione disciplinare ai sensi dell’articolo 18 dello Statuto. Tale avvertimento è inviato esclusivamente al socio.
  4. Il Consiglio si riunisce almeno sei volte all’anno; è convocato dal Presidente o da chi ne fa le veci ogni qual volta se ne avvisi la necessità, o quando ne facciano richiesta almeno tre consiglieri. Il consiglio direttivo nella sua prima riunione nomina i due membri della commissione disciplinare.
  5. Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza della maggioranza dei consiglieri. In caso di assenza o impedimento del Presidente, le riunioni sono presiedute dal Vicepresidente o dal consigliere socio fondatore con maggiore anzianità di socio o dal consigliere con maggiore anzianità di socio.
  6. Le deliberazioni sono validamente adottate con la maggioranza dei voti dei consiglieri presenti; in caso di parità dei voti, prevale il voto del Presidente o, in sua assenza, di chi presiede la riunione.
  7. Il verbale delle riunioni è redatto e sottoscritto dal Segretario, controfirmato dal Presidente, ed inserito nell’apposito registro.
  8. In caso cessazione, da qualsiasi causa determinata, di uno o più consiglieri, il Consiglio verrà reintegrato mediante l’inserimento dei candidati non eletti nella lista degli indipendenti, secondo l’ordine risultato dalle elezioni.
  9. Nel caso in cui non sia possibile sostituire i Consiglieri cessati il Consiglio non decade purché, oltre al Presidente, restino in carica almeno 6 consiglieri.
  10. Il consiglio decade in caso di cessazione, da qualsiasi causa determinata, del Presidente. Nei casi in cui si verifica la decadenza del Consiglio il Presidente convoca l’assemblea generale dei soci, con all’ordine del giorno l’elezione del Presidente e del consiglio direttivo, almeno 60 (sessanta) giorni prima della data in cui detta assemblea deve tenersi. Nel caso in cui la decadenza del Consiglio derivi dalla cessazione del Presidente alla convocazione provvederà il consigliere socio fondatore con maggiore anzianità di socio o il consigliere con maggiore anzianità di socio.
  11. La presentazione delle candidature avverrà con le modalità e nei termini previsti dall’art. 22.
  1. Il Presidente rappresenta il Circolo di fronte ai soci ed ai terzi; convoca le riunioni dell’Assemblea dei soci fondatori, dell’Assemblea generale dei soci e del Consiglio Direttivo.
  2. In caso di assenza o impedimento del Presidente le sue funzioni vengono assunte temporaneamente nell’ordine: dal Vicepresidente, dal consigliere socio fondatore con maggiore anzianità di socio o dal consigliere con maggiore anzianità di socio.
  3. L’Assemblea generale, su proposta del Consiglio Direttivo, potrà nominare come Presidente onorario un ex Presidente che abbia acquisito eccezionali benemerenze sportive e dirigenziali. Alla nomina del Presidente onorario l’Assemblea procede votando per acclamazione. La carica di Presidente onorario è vitalizia. Al Presidente onorario spetta di diritto la qualifica di Socio Fondatore. Il Presidente onorario può partecipare alle sedute del Consiglio Direttivo con funzioni consultive e senza diritto di voto. Il Presidente onorario gode di tutti i diritti e doveri dei soci onorari.
  1. Il Collegio dei revisori è composto da tre membri effettivi e due supplenti, eletti dall’Assemblea generale dei soci fra i propri componenti.
  2. I membri del Collegio durano in carica tre anni, e sono rieleggibili.
  3. Coloro i quali intendono candidarsi alla carica di sindaco revisore dei conti devono presentare la propria candidatura secondo le modalità previste dall’articolo 21 ai punti 3 e 4. Il socio al momento della votazione indicherà nella scheda consegnatagli in bianco fino a tre membri effettivi e fino a 2 supplenti.
  4. Non potranno essere eletti sindaci revisori i soci che abbiano subito, anche una sola volta, una sanzione disciplinare.
  5. La carica di sindaco revisore è incompatibile con quella di Consigliere.
  6. Il Collegio dei revisori controlla la regolarità della gestione contabile, sulla quale presenta una relazione scritta all’Assemblea generale ordinaria.
  7. Il Collegio elegge nel proprio seno un presidente, il quale potrà intervenire alle riunioni del Consiglio Direttivo.
  1. Il Collegio dei probiviri è composto da tre membri effettivi e tre supplenti, tutti appartenenti alla categoria dei soci fondatori, e di età non inferiore a cinquant’anni.
  2. Non può essere eletto proboviro il socio fondatore che abbia subito, anche una sola volta, una sanzione disciplinare.
  3. L’elezione dei probiviri è deliberata dall’Assemblea dei soci fondatori, a maggioranza degli intervenuti ed a scrutinio segreto.
  4. I probiviri durano in carica per tre anni e sono rieleggibili. La carica di proboviro è incompatibile con qualsiasi altra carica sociale.
  5. Il Collegio dei probiviri è competente a deliberare in seconda istanza sull’applicazione ai soci delle sanzioni disciplinari previste al precedente art. 18.
  6. Il Collegio elegge nel proprio seno un presidente, il quale provvederà a convocarne le riunioni.
  1. La Commissione disciplinare consiliare è composta dal Presidente del Circolo e da due consiglieri nominati dal Consiglio.
  2. La Commissione decade con il Consiglio.
  3. Il presidente del Circolo presiede la Commissione disciplinare e provvede a convocarne le riunioni.
  4. La Commissione disciplinare è competente a deliberare sull’applicazione ai soci delle sanzioni disciplinari previste al precedente art.18.

V BILANCI, UTILI, PATRIMONIO

  1. Il patrimonio sociale è costituito da tutti i beni appartenenti al Circolo, e dai residui attivi risultanti dai bilanci.
  1. Gli esercizi sociali chiudono il 31 dicembre di ogni anno.
  2. Per ogni esercizio sono redatti un bilancio preventivo ed un rendiconto economico-finanziario.
  3. Durante la vita del Circolo è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve capitale, salvo che la distribuzione o la destinazione non siano imposte dalla legge.

VI SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DEL CIRCOLO

  1. Lo scioglimento del Circolo può essere deliberato dall’Assemblea generale dei soci, appositamente convocata, con le modalità previste per la convocazione delle assemblee straordinarie. Per la validità dell’Assemblea è richiesta, come quorum costitutivo, la presenza, dell’80% degli associati con possibilità di deleghe. La delibera di scioglimento deve essere approvata con tanti voti, espressi personalmente o attraverso il delegato, che rappresentino almeno i tre quarti degli associati aventi diritto a voto.
  2. Ciascun socio presente all’Assemblea non potrà avere più di una delega.
  3. Nel caso in cui sia deliberato lo scioglimento del Circolo nella stessa adunanza si dovrà provvedere alla nomina di un Collegio di liquidazione composto di tre membri, anche non soci.
  4. Il Collegio di liquidazione predisporrà un progetto di liquidazione da sottoporsi all’approvazione dell’Assemblea generale dei soci.
  5. Il patrimonio sociale sarà devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, NR. 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, salva diversa destinazione imposta dalla legge.
  1. L’organizzazione ed il funzionamento del Circolo sono disciplinati da un regolamento predisposto dal Consiglio Direttivo, ed approvato dall’Assemblea generale dei soci. Il Regolamento Interno potrà altresì disciplinare l’esercizio di altre attività sportive purché compatibili con il gioco del tennis.
  1. Le modifiche statutarie saranno deliberate dall’Assemblea generale dei soci appositamente convocata con le modalità previste per la convocazione delle assemblee straordinarie.
  2. Per la validità delle relative deliberazioni è richiesta, come quorum costitutivo, la presenza, personale o per delega, di almeno la metà più uno degli associati e come quorum deliberativo il voto favorevole di almeno la metà più uno dei presenti. Ciascun socio presente all’Assemblea non potrà avere più di una delega.
  3. Qualora in prima convocazione non fosse raggiunto il quorum costitutivo stabilito al numero precedente, le modifiche statutarie potranno essere validamente deliberate in seconda convocazione, a distanza di almeno un’ora, con la presenza personale – senza possibilità di delega ‐ di almeno il dieci per cento degli aventi diritto al voto (quorum costitutivo) e con il voto favorevole di almeno la metà più uno dei presenti (quorum deliberativo).